Cestino 106

Cestino di forma troncoconica con parete bassa rettilinea, svasata verso l’esterno; presenta la tessitura in asfodelo e l'orditura in steli di asfodelo precedentemente sezionati, matzas. Tessitura a punto fisso realizzata ad ago con l’utilizzo di nastri di asfodelo chiari, currias biancas, e scuri currias nieddas, per la decorazione. L’inizio del canestro, su cuminzu, è a spirale chiusa realizzata con una tessitura di fibre scure di asfoldelo. Sull’orlo decorazione semplice ottenuta con, sas currias nieddas, che formano il motivo a treccia chiusa indicato con il termine dialettale, s’ispiga. La decorazione è disposta sull’intera superficie e rappresenta quattro spighe stilizzate detta appunto, ispigas, realizzata con nastri di fibre scure precedentemente selezionate per tonalità. Base piatta senza fondello.

Stato: 
Italia
Regione: 
Sardegna
Località produzione: 
Montresta
Località ritrovamento: 
Montresta
Denominazione locale: 

Colvinzolu /Cestinu

Data di esecuzione: 
1960
Altezza : 
Cm 5,00
Diametro base: 
Cm37.00
Diametro apertura: 
Cm50.00
Genere operatore: 
femminile
Tecnica di lavorazione: 
Spirale a punto fisso Montresta
Ordito: 
Asfodelo
Rifiniture e confezione: 
Orlo con tessitura a treccia incrociata, detta nelle dizione locale spiga, in asfodelo
Funzione: 

Contenitore per alimenti utilizzato per dolci o pane

Autore: 
Domenica Anna Passerò, Montresta
Proprietà: 

Domenica Anna Passerò, Montresta

Fonti orali: 
Domenica Anna Passerò, Montresta

Immagini

archivio
dei saperi artigianali
del mediterraneo

mediterranean
crafts
archive

X
Loading