Cesti del corredo nuziale sardo. Le Corbule

Nell'archivio è ben documentata una tipologia di manufatto rappresentativa della tradizione in Sardegna: le corbule, capienti cesti di forma tronco-conica, senza manici, di medie e grandi dimensioni.

 

Venivano utilizzate per contenere in particolare il pane o per contenere e misurare la farina e altri alimenti. La caratteristica forma, con i margini alti e raccolti, permetteva alle donne il loro trasporto in equilibrio sulla testa.

 

Le corbule costituivano sino alla fine degli anni ’50 parte fondamentale del corredo-dote nuziale, in una batteria composta da tre canestri (chirrigu, chirrigheddu, canistedda) tre corbule (sa crobe manna, sa crobe, sa crobischedda) di modulo diverso, oltre ai crivelli e cestini che componevano la “batteria” indispensabile nella preparazione del grano e della farina per la panificazione settimanale e che comunemente è indicato con il termine strexiu ‘e fenu o scrarìa.

Immagini

archivio
dei saperi artigianali
del mediterraneo

mediterranean
crafts
archive

X
Loading